PALERMO – USBSCUOLA – QUANDO LA LIBERTA’ DI INSEGNAMENTO DIVENTA REATO – LA PETIZIONE

Di Daniela Giuffrida

 

L’art. 395 del D.Lgs. 16-4-1994, n. 297 (T.U. delle leggi sull’istruzione) definisce la funzione docente come “esplicazione essenziale dell’attività di trasmissione della cultura, di contributo alla elaborazione di essa e di impulso alla partecipazione dei giovani a tale processo e alla formazione umana e critica della loro personalità“.

Questo stabilisce la legge, poi d’un tratto la “libertà di insegnamento” viene trattata alla pari di un reato; un insegnante viene sanzionata per aver fatto il proprio compito istituzionale (formare coscienze critiche, rendendo le stesse libere di esprimersi) infine, il tutto viene denunciato attraverso i social e da un “giornalista” che, per primo, dovrebbe essere informato sui compiti di un insegnante, aver coscienza e rispettare un certo art. 21 della Costituzione – che tanto da vicino dovrebbe riguardarlo – e per ultimo, ma non ultimo, non lasciarsi condizionare dalle proprie idee politiche, mantenendo da esse il dovuto distacco, nell’ apprezzare o meno avvenimenti e fatti.

Ecco: quando uno solo di questi eventi si verifica, la libertà di un popolo corre un serio pericolo, quando invece si verficano tutti insieme, bisogna davvero cominciare a preoccuparsi. Ma questo è solo l’ennesimo segnale che dovrebbe dare a tutti gli italiani un serio motivo di riflessione su quali, già percorsi e tristi sentieri, questo paese si stia avventurando.

Questi timori ed altro ancora sono contenuti nella petizione indirizzata al presidente Mattarella, lanciata da USBScuola su “change.org” il cui link pubblichiamo in calce.

Al contempo, USBScuola, attraverso una nota ufficiale che riportiamo di seguito così come ci è stata inviata dal collega Orazio Vasta -giornalista freelance e militante di Federazione del Sociale USB – esprime la propria solidarietà all’insegnante sanzionata.

 

“USB esprime la propria totale vicinanza alla docente dell’ITI Vittorio Emanuele III di Palermo, sanzionata con una sospensione di 15 giorni dal provveditorato, per aver semplicemente svolto il suo ruolo di insegnante e non aver limitato la libertà di espressione dei propri alunni, che avevano operato, utilizzando un articolo presente in rete di un noto giornalista italiano, un legittimo accostamento tra il decreto sicurezza e le leggi razziali durante la celebrazione del Giorno della Memoria.

Luigi Del Prete, dell’Esecutivo Nazionale USB Scuola, sull’accaduto riporta così il pensiero dell’Organizzazione: “Assolutamente inquietante è il fatto che la denuncia al Ministro Bussetti sia arrivata, via social, da un giornalista di destra che ha segnalato la professoressa al Ministero, che prontamente si attivava sollecitando l’invio di un’ispezione”.

L’accusa rivolta alla docente è di non essere intervenuta immediatamente per “redarguire” l’alunno per l’accostamento inopportuno.
Prosegue Del Prete: “La celerità dell’intervento da parte del Ministero e del provveditore di Palermo evidenziano ormai un clima irrespirabile all’interno del paese e nelle scuole italiane, dove la libertà d’insegnamento è sempre più vilipesa e in cui l’antifascismo ormai è sotto attacco come disvalore.

Crediamo nella forza dirompente della libertà di pensiero nell’educazione dei nostri studenti, che il ruolo dell’insegnante debba essere quello di formare coscienze critiche capaci di capire che il fascismo, il razzismo e la xenofobia non sono “idee” ma espressioni dell’odio e anticamera dei regimi totalitari, che operare confronti storici tra periodi diversi, mostrando similitudini e differenze, sia un elemento essenziale dell’insegnamento della Storia che voglia far comprendere lo sviluppo del pensiero dell’umanità.

Sanzionare un docente per aver semplicemente fatto l’insegnante e aver stimolato i propri studenti alla riflessione critica, senza voler limitare il loro libero esercizio del pensiero attraverso un lavoro sulle fonti, significa creare una scuola di regime, asservita al potere e al pensiero unico dominante, anticamera di una società sempre più indirizzata alla barbarie”.

Conclude Del Prete “Chiediamo il ritiro immediato della sanzione ingiusta e ingiustificata nei confronti della collega. USB è pronta ad avviare una mobilitazione di docenti, studenti e cittadini per sostenere la collega e, con lei, la libertà di insegnamento e la Scuola Pubblica Statale dagli attacchi che subisce costantemente.”.

 

La petizione:

https://www.change.org/p/sergio-mattarella-solidariet%C3%A0-alla-docente-di-palermo-sanzionata-dal-provveditorato-per-reato-d-insegnamento

daniela giuffrida

Autrice - International Member – GNS PRESS ASSOCIATION Scrittrice e Blogger freelance. Collabora con alcune testate on-line nazionali e siciliane. Attivista No Muos. Di cuore siciliano, instancabile attivista e documentarista delle lotte sociali, degli accadimenti della propria terra e non solo.

Lascia un commento